Fondo Rotativo per il piccolo credito (Lazio)

Blog

FONDO ROTATIVO PER IL PICCOLO CREDITO (Lazio)

FONDO ROTATIVO PER IL PICCOLO CREDITO (Lazio)

Il Fondo Rotativo per il Piccolo Credito (FRPC) è volto a fornire una tempestiva risposta alle PMI con esigenze finanziarie di minore importo, minimizzando i costi, i tempi, la complessità del processo di istruttoria e di erogazione.

Il FRPC sostiene la concessione diretta di prestiti a imprese già costituite e con storia finanziaria, con difficoltà nell’accesso al credito legate ai fabbisogni di entità contenuta.

Area geografica: Lazio

Risorse disponibili:000.000 €

A chi è rivolto: Possono presentare domanda:

  • Le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI);
  • i Consorzi e le Reti di Imprese aventi soggettività giuridica, esclusivamente per gli interventi previsti nell’ambito della Sezione III, volti al risparmio energetico;
  • i Liberi professionisti.

che alla data di presentazione della domanda:

  • siano costituiti da almeno 36 mesi;
  • abbiano o intendano aprire, al massimo entro la data dell’erogazione del finanziamento agevolato, una sede operativa nel Lazio (per i liberi professionisti, abbiano o intendano stabilire, al massimo entro la data dell’erogazione del finanziamento agevolato, il luogo di esercizio dell’attività nel Lazio);
  • abbiano un’esposizione complessiva limitata ad 000,00€ nei confronti del sistema bancario sui crediti per cassa a scadenza, rilevabile dalla Centrale dei Rischi Banca d’Italia.
  • Interventi ammissibili: il Fondo prevede 4 tipi di interventi, suddivisi in sezioni:
  • Sezione I – settore manifatturiero: interventi concernenti il riposizionamento competitivo dei sistemi produttivi regionali e di specifiche filiere;
  • Sezione II – tutti i settori, con riserva per il settore commercio: interventi volti a garantire favorire l’accesso al credito delle PMI
  • Sezione III – tutti i settori, esclusivamente per interventi volti al risparmio energetico (ad eccezione di agricoltura, silvicoltura e pesca)
  • Sezione IV – Interventi a valere su fondi regionali rivolti a:
    • Artigiani (imprese annotate nella Sezione speciale del Registro delle imprese artigiane);
    • Società cooperative (imprese cooperative iscritte all’albo nazionale degli enti cooperativi);
    • Trasporto non di linea (per titolari di licenza taxi rilasciata da un Comune del Lazio);
    • Turismo (Codice Ateco 2007: 55.10.00 –Alberghi);
    • Botteghe storiche (attività svolta da almeno cinquanta anni).

Spese ammissibili: sono ammessi i progetti che riguardano investimenti in attivi materiali e immateriali, spese per consulenze, finalità di copertura capitale circolante, nel rispetto dei limiti indicati nell’avviso, nonché progetti rivolti alla copertura di altre esigenze finanziarie d’impresa finalizzate al: rafforzamento delle attività generali dell’impresa, alla realizzazione di nuovi progetti, alla penetrazione di nuovi mercati; a nuovi sviluppi da parte delle imprese

Tipologia ed entità delle agevolazioni: l’agevolazione consiste in un finanziamento a tasso zero erogato a valere sulle risorse del Fondo, aventi le seguenti caratteristiche:

  • importo: min 10.000 euro – max 50.000 euro;
  • durata: min12 mesi – max 60 mesi comprensivi di un eventuale periodo di preammortamento di massimo 12 mesi, in caso di finanziamenti di durata pari o superiore a 24 mesi;
  • rimborso: a rata mensile costante posticipata.

Termini di presentazione delle domande: le richieste di accesso all’agevolazione possono essere a partire dal 21 settembre 2018 fino ad esaurimento fondi.

Hai una idea da realizzare?

Hai una startup?
Hai una PMI?
Sei un commercialista?
Ottieni risultati concreti con la finanza agevolata grazie al nostro team di Financial Specialist.